Nel corso dei secoli le famiglie nobiliari avevano intuito le potenzialità della Baraggia e della coltivazione del riso. Il problema era portare l’acqua ai campi. Ecco come si ingegnarono nel ‘900 i pionieri della bonifica.

    Page 48 2

    L’introduzione dell’agricoltura in Baraggia rappresenta un unicum in Italia. Nel XX secolo la Baraggia, per le condizioni di povertà e l’estrema difficoltà di coltivazione delle sue terre, era considerata una delle 8 aree più depresse d’Italia e la più depressa in Piemonte. Nel 1929 il suo comprensorio venne delimitato e due anni più tardi fu classificata tra i territori soggetti a trasformazione fondiaria.

    Un passo cruciale nella storia dell’evoluzione della Baraggia, che però a nulla sarebbe servito senza la voglia di riscatto, l’ingegno e la capacità di adattamento dei suoi abitanti. In quegli anni i pionieri di Baraggia accettarono la sfida di redimere la propria terra. L’agricoltura e in particolare la risicoltura ebbero un ruolo fondamentale.

    Già nel ‘700 le famiglie nobili della Baraggia avevano capito che quei terreni duri e incolti, ricoperti di brughiera, si potevano coltivare solo se rimanevano umidi. Il riso era una coltura perfetta a questo scopo. Risale al 1609 il documento che attesta la richiesta da parte di Giulio Cesare Avogadro dei Signori di Vigliano e Valdengo al Duca di Savoia per la coltivazione del riso nel comune di Balocco, nel cuore della Baraggia. C’era però un grosso problema legato alla risicoltura: oltre al clima rigido e alle escursioni termiche, si era impossibilitati ad apportare l’acqua per l’irrigazione, a causa della naturale presenza di altipiani e terrazzamenti.

    Fu nel corso del ‘900 che iniziarono i primi veri lavori di bonifica, grazie  all’eroico lavoro manuale dei suoi abitanti, definiti per questo pionieri di Baraggia.

    Page 49 2

    Un tipico esempio delle camere di risaia in Baraggia, prima degli spianamenti.

    Dalla metà del secolo, in seguito alla costituzione del Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese, iniziarono le prime e vere opere infrastrutturali destinate allo sviluppo agricolo e socio-economico del territorio. Vediamo l’excursus.

    Sistemazione e spianamento dei terreni.

    Una delle caratteristiche più tipiche della Baraggia riguardava la particolare situazione dei terreni già coltivati. I fazzoletti di terra che costituivano le camere delle risaie avevano dimensioni minime e incompatibili con una coltivazione razionale ed efficiente. Il settore agricolo in quegli anni al progressivo sviluppo della meccanizzazione, per rendere il lavoro in campagna più facile e più umanamente sostenibile. Grazie allo spianamento dei terreni e all’ampliamento dei campi, negli anni Sessanta anche in Baraggia cominciarono a comparire i primi trattori. Con la sistemazione di circa 11.000 ha di terreno il volto della Baraggia iniziò a cambiare e le condizioni di vita dei suoi abitanti a migliorare.

    Page 48 1

    Primi lavori di coltivazione dei terreni baraggivi.

    Page 49 1

    Mezzi in azione per spianamenti a Masserano.

    Ristrutturazione dei fabbricati rurali.

    Tra il 1960 e il 1980 il Consorzio fece realizzare le strutture necessarie per le cascine, che spesso coincidevano con le abitazioni. Vennero costruiti silos, essiccatoi, tettoie per il ricovero delle attrezzature, e tutte le pertinenze utili all’azienda agricola. Un totale di 470 interventi per nuovi fabbricati, ristrutturazioni e strutture collegate, con la creazione di importanti complessi rurali.

    Page 41 1

    Primi anni '60. Cascina Speranza di Greggio con Ermes Ambrosi e la moglie, in mezzo Carmelo Iacopino.

     

    Page 42 1

    Rovasenda: la stalla dei fratelli Martelli in costruzione, complesso aziendale nel cuore della Baraggia.

    Page 43 1

    A Masserano, in pieno comprensorio irriguo dell'Ostola, l'azienda della famiglia Saggiorato.

    Elettrificazione. Arriva la corrente!

    Non ultima, l’elettrificazione dei fabbricati rurali interessò ben 360 cascine, con 81 km di linee elettriche a media e bassa tensione su tutto il territorio, fondamentale per lo sviluppo socio-economico della Baraggia. Nelle foto qui in basso si vedono alcuni esempi dei lavori condotti dagli anni Sessanta.

    Page 45 2

    Si completa l'elettrificazione rurale della Baraggia.

    Page 44 2

    Alla Frazione Vigellio di Salussola, uno dei tanti esempi di bonifica integrale: la strada, l'elettrodotto, l'acqua potabile.

    Page 44 1

    L'elettrificazione della Cascina Ernia a Roasio (VC)

    I successivi investimenti del Consorzio furono volti all’approvvigionamento idrico, potabile e a uso irriguo. Ne parleremo nei prossimi post sulla storia della Baraggia.

    Immagini fotografiche che riportano indietro nel tempo. Un passato recente in un secolo di trasformazioni eclatanti per un territorio in cui l’energia elettrica e l’acqua corrente erano ancora un miraggio nel secondo dopoguerra. Ripercorriamo insieme la storia della Baraggia.

    Gli anni Venti - La definizione del comprensorio di Baraggia.

    Quale fu il punto di svolta  per trasformare l’incolta Baraggia in un territorio di eccellenze, l’unico in cui si coltiva riso DOP in Italia? Il percorso fu lungo e complesso, ma l’inizio fu segnato con la delimitazione del comprensorio. Nel 1929 la Baraggia fu ufficialmente inserita nelle 8 aree più depresse d’Italia, quelle soggette a trasformazione fondiaria, grazie al Decreto n.1458 del 2 maggio 1931 a firma di Arrigo Serpieri.

    Baraggia di Rovasenda negli anni Venti

     

    Gli anni Cinquanta - La nascita del Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese dà il via alla fase operativa.

    Bisognerà aspettare il 1950, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, con la costituzione del Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese (decreto n. 3862 a firma dell’allora Presidente della Repubblica Luigi Einaudi) per iniziare a vedere i primi segni di trasformazione del territorio.

    Page 23 1

    Gli anni Sessanta - Elettricità e acqua. Primi segni del nuovo volto della Baraggia e della sua Gente.

    I primi segnali di un mondo che sta cambiando arrivano con le opere di sistemazione delle strade, con l’elettrificazione dei fabbricati rurali e successivamente con l’arrivo dell’acqua potabile nelle case. In questo periodo furono realizzate le infrastrutture primarie dell’acquedotto consortile, potabilizzazione dell’acqua e rifornimento dei comuni della Baraggia. In mezzo a tante evoluzioni, anche la vita della gente sta cambiando. Ne sono testimonianza le immagini che abbiamo recuperato nell’archivio del Consorzio, scene di vita quotidiana che riprendono la “Gente di Baraggia”. Così chiamiamo gli abitanti della nostra zona, persone che hanno saputo partecipare attivamente alla trasformazione di un territorio difficile e asfittico grazie a capacità e iniziative personali, alla dedizione verso la propria terra e, naturalmente, tanto duro lavoro.

    Page 38 1

    La Strada Buronzo. Rovasenda con l'immagine del secolare castello.

     

    Page 45 3

    L'Eusebiano, articolo del 30 dicembre 1971.

     

    Page 45 1

    Si completa l'elettrificazione rurale della Baraggia.

     

    Page 61 2

    Page 60 2

    1965 - L'arrivo dell'acqua nelle abitazioni è vissuto come una grande festa a Villanova Biellese.

    Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese
    Il Consorzio di Bonifica è un ente pubblico economico che opera sul proprio comprensorio per favorirne la crescita e la competitività, grazie ad azioni di forte incidenza...

    Leggi tutto

    IL CONSORZIO

    Presidente
    Dott. Dino Assietti

    Dove siamo
    Via Fratelli Bandiera 16, 13100 Vercelli

    Contatti
    Centralino: +39 0161 283811
    Fax: +39 0161 257425
     segreteria@consorziobaraggia.it
    PEC:  consorziobaraggia@legalmail.it

    ORARI UFFICI

    Da lunedì a venerdì: 8.30 - 12.30 / 14.30 - 18.00

    Siti correlati

    Riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP
     www.risobaraggia.it
    S.I.I. S.p.A.- Servizio Idrico Integrato del Biellese e Vercellese S.p.A.
     www.siispa.it
    Ente Servizi ed Aree espositive di Caresanablot
     www.esaec.it

    I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, inclusi cookie di terze parti. Leggi l'informativa